pic1

Il minirugby

L’attività di Minirugby, che da anni il nostro Club organizza e gestisce, non prevede una quota di iscrizione per i bambini e le bambine che vi partecipano.
Insomma il Minirugby a Perugia, al netto delle spese vive per attività complementari e facoltative, quali i tornei esterni, è gratuita.

“Perché?”

Perché il Minirugby a Perugia è così per tradizione: per noi il settore giovanile è sempre stato un costo e mai una fonte di reddito per finanziare il resto dell’attività. Attraverso questa facilitazione, da più di 40 anni, centinaia di giovani perugini hanno conosciuto la palla ovale, ne sono stati formati e oggi quasi tutti quelli che sono passati dal campo da rugby portano i loro figli a fare la stessa cosa.

Perché fare sport dev’essere un diritto di tutti i ragazzi e l’economia domestica non deve mai condizionare la scelta. Tra tutti i motivi che possono dissuadere un bambino e i suoi genitori dal provare la strada del rugby, l’onere economico non sarà mai tra questi. Niente èlite, l’occasione per diventare buoni sportivi va data a tutti. Anche per questo vantiamo un rapporto strettissimo con le Scuole del territorio, con reciproca soddisfazione.

Perché al rugby non vendiamo niente. Non forniamo una prestazione, non vendiamo un prodotto e non diamo nemmeno un servizio in cambio di un corrispettivo. Cerchiamo di offrire la possibilità di condividere un percorso educativo e un’esperienza di socializzazione fondata su valori autentici che ciascuno potrà verificare sul campo per poi decidere se vale la pena restare. Oppure smettere quando si vuole senza la remora di avere già pagato.

“E … dalle famiglie non volete niente?”

No.
Anzi sì: si dice che il nostro sia un gioco che richiede tanto. Vale soprattutto per i grandi, ma è facile notarlo anche nei più piccoli. In campo si fatica, si corre, si cade, ci si rialza, si prende qualche colpo, si suda, ci si bagna e qualche volta ci si rotola nel fango. Raggiungere l’obiettivo significa capire la necessità del sacrificio e assaporarne il piacere. Non è cosa facile, ed è un grande contributo che i protagonisti danno al rugby in cambio di un’appartenenza.
Anche il genitore può e deve dare qualcosa: accompagnare il figlio agli allenamenti e ai tornei, supportarlo, sostenerlo negli alti e bassi della sua esperienza sportiva e, se possibile, dare una mano al Club nell’organizzazione, che è formata da volontari che di mestiere fanno altro e si ritagliano il tempo per coltivare una passione.
Da sempre la vita del Club ha potuto contare sull’apporto fattivo di genitori che si sono rimboccati le maniche condividendo il tutto e, per chi può e vuole, lavorando con noi. E non è poco neanche questo.

“Ma… i soldi dove li trovate?”

Già, perché l’attività costa e costa molto, soprattutto se si offre qualcosa di qualità. Il campo, lo spogliatoio, le docce, la struttura, i trasporti, il materiale, non ce li regala nessuno. Riusciamo a mandare avanti il tutto grazie all’apporto di qualche generoso partner che, anche con un contributo minimo, ci aiuta a lavorare. Se qualche centinaio di euro può essere un problema per tante famiglie, lo è molto meno per un’azienda, anche di modeste dimensioni, che vuole aggiungere il suo logo agli altri già presenti sulle nostre maglie o sulla home page del nostro sito (www.rugbyperugia.it).
E i migliori “agenti” in questo senso sono proprio i genitori che, direttamente o per conoscenze proprie, ci mettono in contatto con i nostri potenziali partner commerciali.

“Che si può fare allora?”

Se ritieni meritevole di sostegno quello che facciamo per i nostri ragazzi, se credi alle nostre iniziative e magari vuoi aiutarci a migliorare, dacci una mano a cercare qualche azienda che possa dare il suo contributo.
Non esitare a contattare l’Associazione, puoi farlo direttamente con gli allenatori delle varie categorie, e avrai tutte le informazioni al riguardo, anche di natura fiscale e contabile.
Sappiamo che non è facile, ma tutto quello, poco o tanto, che vedete lo abbiamo fatto, e vogliamo continuare a farlo, solo così.
Il Minirugby a Perugia è gratis: aiutaci a mantenerlo tale!

L’attività del Rugby Perugia nel settore Minirugby vanta un rapporto consolidato da anni con il mondo della Scuola ed una crescita esponenziale dei praticanti in linea con il trend nazionale. Ormai storica la collaborazione con le istituzioni scolastiche ed in particolare con le Scuole Elementari cittadine, ovvero con quel mondo del bambino nel quale il Minirugby offre il meglio di sé come supporto educativo per la crescita del giovane.
Aderiscono attualmente al “Progetto-Scuola” le Direzioni Didattiche del 1°, 2°,3°, 4°, 5°, 6°e 9° Circolo di Perugia oltre a numerose scuole medie e superiori, per la cui attività viene da pochi mesi utilizzato anche il nuovo campo da rugby al Parco Lacugnano, che si aggiunge al Pian di Massiano, specificatamente dedicato alla formazione dei giovanissimi.